monte  CAtria 

PEsaro

marche

index

 

 

 

 

  Se di Flora foss' io ne l' arti istrutto,
 

In stil caro a le Muse ora godrei
 

Appien narrarti i rari pregi e i nomi
 

De' vaghi fior, de l'erbe salutari
 

Che fan s bello il Catria. Onde ne' giorni
 

Di primavera il pazente e dotto
 

Cultor di questa Dea l' erte pendici
 

Vien del monte a spiar: donde poi lieto
 

Sen riede ai lari suoi, gelosamente
 

Seco adducendo gli ospiti novelli
 

Pel fiorito giardin sua dolce cura.
 

Ve' di quanti colori ad ogni passo,
 

Fra l' erba verde della ombrosa chiostra,
 

Prole eletta di fior ! tal che Natura,
 

Ch' a piena man su questo monte sparse
 

Quanto ava di pi bel, qui scosse il lembo.
 

 


 

                  Francesco Ansidei. Il Monte Catria, 1838  .